IL MULTIVERSO DELLA PASSIONE – Cap. 14

h 19. Via Tuscolana. Direzione Centrale Anticrimine. Ufficio del dr Bracini. Finalmente il fascicolo della Bobulova era sulla scrivania del dirigente. Erano arrivate anche le notizie dalla volante. Gli agenti avevano interrogato anche i vicini e avevano appurato che il Proietti e la moglie se ne erano andati. Dal fascicolo si apprese che la Bobulova era originaria di Kiev e aveva fin da adolescente numerose segnalazioni per adescamento. Trasferitasi in Italia a 35 anni anni, ora ne aveva 50, aveva conosciuto a Frosinone il Proietti in un locale dove faceva la spogliarellista. Si erano sposati due anni dopo. A Kiev la Bobulova aveva due figli, un ex marito e due anziani genitori. L’efficienza del dott. Brocini non si limitò a questo. Un’altra volante era andata all’indirizzo di residenza della madre del Bocci e da questo controllo ci venne la certezza che la badante della signora era proprio lei. Il dirigente fece diramare un ordine di ricerca su tutto il territorio nazionale, allertò anche gli aeroporti e le stazioni ferroviarie; allargò le ricerche segnalando le foto anche all’Interpol nel caso avessero già lasciato il Paese. Dal fascicolo emergeva con chiarezza che l’ucraina alternava l’attività di prostituzione a quella di badante e forse le due attività a volte si sovrapponevano nel senso che i vicini parlarono di un andirivieni sospetto addirittura dove la Bobulova abitava con il marito e c’erano delle denunce a suo carico da parte di familiari di assistiti che parlavano di circonvenzione d’incapace e anche di furto. Il tutto probabilmente con il consenso del marito. Veramente una bella coppia  i due. Nel frattempo si erano fatte le 19 e 30. “Caro dottore”, disse Bracini, “ora non rimane che aspettare. Non appena avrò notizie glielo farò sapere. Chissà, forse abbiamo messo le mani su una coppia di truffatori o forse no, magari la loro partenza è soltanto una coincidenza…strana ma non si sa mai, magari il ragioniere tornerà e tutto si chiarirà. Vedremo. La saluto. ” “non so veramente come ringraziarla. dott. Brocini. A mia volta la informerò se dal colloquio con il Bocci emergerà qualcosa d’interessante.”. I due si strinsero calorosamente la mano e Augusto si diresse verso l’uscita. Si era fatto tardi. Avvisò Catia che probabilmente avrebbe tardato un po e poi una volta in macchina si diresse in direzione Pontina per raggiungere Marina di Ardea. fremeva al pensiero di aggiornare la collega sugli sviluppi.

0 Comments


Would you like to share your thoughts?

Would you like to share your thoughts?

Lascia un commento

Se sei titolare di uno studio legale, o se come individuo hai bisogno di un Consulente in ambito civile o penale per far valere i tuoi diritti, o sei titolare di Un’organizzazione e vuoi migliorare le sue prestazioni, allora visita la sez Servizi o contattami per ulteriori informazioni . Il Mio approccio psicologico clinico, psicoterapeutico e psicologico forense è integrato, ciò significa che da me troverai una risposta specifica alla tua particolare soluzione e il mio intervento sarà finalizzato ad affrontarla e risolverla nella sua complessità.

© Dr. Massimo Buttarini. All rights reserved - P.Iva 02042800546 - Web Project Marco Brughi - Hosting by DigiNetwork

Privacy Policy